Ritratto di gentiluomo

 (scheda curata dalla prof.ssa Luisa Figari e dalla dott.ssa Alice Deledda)
TIPOLOGIA

Ritratto


TITOLO

Ritratto di gentiluomo


AUTORE

Attribuito a Giovanni Marghinotti


ANNO

Prima metà del XIX sec


MISURE

68×77 cm


MATERIE E TECNICHE

Olio su tela


COLLOCAZIONE

Sala dei Ritratti


NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Il personaggio, di cui non si conosce l’identità ma appartenente alla nobiltà o borghesia, è ritratto di ¾ a mezzo busto con il braccio sinistro poggiato su uno spalliera mentre la mano destra guantata tiene la giacca in una posa teatrale. L’accentuazione del dato realistico, la sintesi plastica degli elementi figurativi, la nitidezza dei particolari fisionomici, che ricordano le fotografie dell’epoca, sono caratteri stilistici propri del Marghinotti, pittore dell’alta società torinese e cagliaritana. Nella rappresentazione dettagliata dei baffi, del naso aquilino e della pettinatura si nota l’uso sapiente del colore ad olio steso a campiture piatte evidenziando i toni freddi. L’unica luce illumina la figura da sinistra e modera la bidimensionalità complessiva del ritratto. L’impostazione del soggetto cambia a seconda del rango sociale, ma ritorna l’assoluta rilevanza assegnata alla figura, anche in questo caso, immersa in uno spazio neutro scuro.